martedì 27 settembre 2011

Mamadhia me kecat - Mammacapra e le caprette



Na ishte nje here Mamadhia me shtate kecat. Ata jetonin ne nje shtepi te bukur me nje oxhak te madh. Shpesh Mamadhia shkonte ne treg per tu blere kecave ushqim. Gjithmone para se te dilte nga shtepia i porosiste kecat te mos ia hapin deren askujt, pasi ujku mund ti mashtronte ato.
Nje dite prej ditesh ujku i uritur fshihet pas pemeve dhe pret aty derisa Mamadhia te niset per ne treg. Kur shikon qe kecat jane ne shtepi vetem afrohet tek dera dhe troket. Kecat nga ana tjeter e deres pyesin:
- Kush eshte?
- Jam une Mamadhia, hapeni deren vogelushet e mi, - i thote ujku me zerin e tij te trashe.
- Nxirre kemben poshte deres, - i thone kecat pasi e kuptojn se ai nuk esht zeri i nenes se tyre.
Ujku ben sic i thone kecat, dhe fut poshte deres kemben e tij te madhe e te zeze.
Kecat i thone menjehere:
- Largohu, ti nuk je Mamadhia, ajo e ka zerin e holle dhe te embel, ndersa ti e ke te trashe, ajo e ka kemben e bardhe si bora, e jotja eshte e zeze si nata, e dime qe je ujku prandaj nuk te duam.
Ujku i zhgenjyer nga deshtimi i tij largohet, por nuk dore
zohet. Merr nje thes me miell dhe fut kemben brenda derisa ajo behet e bardhe, pastaj merr mjaltin dhe fillon te haje derisa zeri i tij behet i holle si ai i Mamadhise.
Nderkohe kecat e zgjuar, duke e ditur qe ujku do te rikthehej, vendosin ti ngrene nje kurth. Vendosin mbi zjarrin e oxhakut nje kazat plot me uje.
Ujku rikthehet tek shtepia e kecave. Troket ne dere :
- Jam Mamadhia, bijte e mi, hapeni deren, - thote ujku me zerin e holle.
- Na e trego kemben, - i thone kecat.
Ujku i tregon kemben poshte deres, por gjate rruges mielli kishte rene prandaj kemba e tij ishteserisht e zeze. Kecat e kuptojne qe eshte ujku por vendosin ta hedhin ne kurth.
- Mamadhi, kemi humbur celesin, por ti mund te hysh nga oxhaku, po te presim, na ka marr shume malli per ty.
Ujku mendjelehte, i gjithe shend e vere ngjitet ne oxhak pa menduar se aty poshte mund te kete nje zjarr qe digjet. Hidhet poshte nga oxhaku dhe perfundon ne kazanin me uje te nxehte qe kecat kishin pergatitur.
Kecat e lumtur qe i kishin dhene nje mesim te mire ujkut, kercenin neper shtepi, nderkohe qe ujku ulerinte ne zjarr. Kur Mamadhia kthehet ne shtepi, kecat i
tregojne se sfare kishte ndodhur, dhe ajo i pergezon te vegjelit e saj qe ia kishin degjuar fjalen.
Qe nga ajo dite ujku nuk guxoi me te kthehej tek shtepia e kecave.

Traduzione

C'era una volta la Mammacapra con le sue sette caprette. Loro vivevano in una bellissima casa, con un grande camino. Spesso la Mammacapra andava al mercat
o a comprare da mangiare ai suoi bambini, ma prima di uscire li raccomandava sempre di non aprire la porta a nessuno, perché il lupo li potrebbe ingannare.
Un giorno il lupo affamato si nascose dietro agli alberi e aspetta che Mammacapra vada al mercato. Quando vede che le caprette sono sole va alla porta e bussa. le caprette chiedono:
- Chi è?
- Sono Mammacapra, aprite la porta piccoli miei, - dice il lupo con la sua voce grossa.
- Metti il piede sotto la porta cosi lo vediamo, - gli chiedono
le caprette che avevano capito che quella non era la voce della madre.
Il lupo fa come le caprette gli dicono, e fa vedere a loro il suo piede grosso e nero.
Le caprette gli dicono subito:
- Vattene, tu non sei la Mammacapra, lei ha la voce sottile e dolce, la tua invece è grossa, lei ha il piede piccolo e bianco, il tuo è nero come la notte, sappi
amo che sei il lupo, perciò non ti vogliamo.
Il lupo triste del suo fallimento si allontana, ma non si arrende. Prende un sacchetto di farina e mette dentro il piede per farlo diventare bianco, poi prende un po di miele e comincia a mangiare fino a che la sua voce diventa sottile come quella della capra.
Nel fra tempo le caprette furbe, sapendo che il lupo sarebbe ritornato, decidono di fare una trappola per lui. Mettono un grosso pentolone pieno d'acqua sul fuoco del camino.

Il lupo ritorna e bussa alla porta:
- Sono Mammacapra, aprite la porta, - dice il lupo con la voce sottile.
- Mostraci il piede, - rispondono le caprette.
Il lupo gli fa vedere il piede sotto la porta, ma durante la strada per raggiungere la casa, tutta la farina era caduta dal piede del lupo e cosi lui si ritrovo di nuovo con il piede nero. Le caprette capiscono che quello è il lupo e lo vogliono mettere in trappola, perciò gli dicono:
- Mammacapra, abbiamo perso la chiave, ma potresti entrare dal camino, ti stiamo aspettando, ci sei mancata molto.
Il lupo senza pensarci troppo, sale sul camino, e si butta dentro finendo nel pentolone con l'acqua bollente.
Le caprette felici di aver dato una lezione al lupo cominciano a saltare per casa, mentre il lupo urlava nel fuoco.
Quando la Mammacapra tornò, le caprette gli raccontarono cosa avevano fatto. Lei era felice che i suoi bambini le avevano obbedito.
Il lupo da quella volta non osò più tornare dalle caprette.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento